Festa del SS. Crocifisso a Monreale

Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
01/05/2018 - 03/05/2018
Tutto il giorno

Luogo
Centro Storico di Monreale

Categorie


Festa SS. Crocifisso MonrealeI festeggiamenti dedicati al SS. Crocifisso di Monreale durano tre giorni, 1, 2 e 3 maggio.

Nei giorni 1 e 2, la festa è caratterizzata da manifestazioni folkloristiche come le bande musicali che attraversano il paese, le corse dei cavalli, gli appuntamenti canori, gli sbandieratori e le giostre. Le strade sono illuminate dalle “luminarie” e piene di “bancarelle”, attrattive per i bambini e per i grandi.

Giorno 3 invece è dedicato alla solenne processione, terminato il solenne pontificale celebrato dall’Arcivescovo, ha luogo la tradizionale discesa dall’altare della venerata immagine: è questo un momento di forte richiamo e di grande commozione.

Quando il Crocifisso è fatto scendere dall’altare ed è adagiato sullo zoccolo della “Vara”, le ferite del costato sacro sono palpeggiate di continuo dai fazzoletti dei fedeli commossi.

L’effige del Crocifisso è poi collocata all’esterno della chiesa, sotto la maiolica che raffigura il protettore di Monreale, da dove alle ore 18.00 in punto, al suono del campanello e al rullo dei tamburi, accompagnato dal suono festoso delle campane a distesa, si dà il via alla solenne processione. Dalle ore 14.00 fino alle ore 18.00, i fedeli si accalcano presso la Maiolica, per toccare, baciare e pregare il Crocifisso, prima che inizi la processione.

La processione parte alle ore 18.00 del 3 maggio e termina alle ore 2.00 circa del giorno successivo.

Durante l’iter processionale, in due momenti topici della cerimonia, si sparano i giochi pirotecnici; una prima volta, quando il simulacro si ferma allo “Spasimo”, davanti la statua del Beato Padre Pio da Pietrelcina, una seconda volta, davanti al Duomo, proprio al termine della processione, poco prima che il Crocifisso rientri in Collegiata.

A conclusione della processione, fase molto commovente e partecipata dai fedeli, è quella della “ricollocazione” del Crocifisso nella sua cappella posta sull’altare maggiore. I “Fratelli” a spalla, sempre fra due ali di folla, portano il Simulacro in chiesa, al grido:
U NOSTRU PATRI
RITORNA A LA CASA,
mentre i fedeli rispondono:
GRAZIA PATRUZZU AMURUSU,
GRAZIA.

Informazioni:

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone